lunedì 13 agosto 2012

Don't you dare to miss it


Potete forse perdervi il secondo episodio de L'estate del cassintegrato? La risposta "sì!" vale solamente nei casi in cui:
 a) abbiate molto di meglio da fare
b) siate in vacanza e vogliate pensare ai fatti vostri invece di concentrarvi sui mali del mondo 
c) abbiate appena sfiorato il sei al super enalotto 
d) abbiate appena picchiato la macchina nel tentativo disperato di leggere questo post sul vostro i-pad imbullonato al volante 
e) abbiate appena perso 6 chili nella fila di ritorno dal mare 

 Tutti gli altri non sono esentati dallo sforzo solidale di lettura di quelle poche righe che trovate qui: http://www.informarexresistere.fr/2012/08/06/lestate-del-cassintegrato-giorno-2/#axzz23NX893Ax
Continua a leggere

lunedì 6 agosto 2012

Sbarco in Sicilia

Ciao a tutti, dopo un bel po' di tempo che non scrivo qui. E mi dispiace, credetemi, anche perchè settembre si avvicina e ci sarà da parlare ancora una volta della nostra, amatissima giornata senza auto. Vi aggiorno. Innanzitutto Informare per Resistere mi ha dato un piccolo spazio per una piccola rubrica, intitolata "L'estate del cassintegrato", che trovate, nel suo primissimo episodio, qui: http://www.informarexresistere.fr/2012/08/04/lestate-del-cassintegrato-giorno1/#axzz22m55waY3. I commenti, leggere i commenti prima non mi faceva grande effetto, mentre adesso, che parlo di me, perchè ho deciso di mettere la faccia su di una battaglia importante, mi regalano sensazioni differenti. Alcuni commenti sono solidali. Altri sono quasi di rimprovero, perchè "ugualmente te stai meglio di me". Altri, invece sono una sorta di: smetti di lagnarti, raccogli le tue cose e reinventati, qui o altrove. E rimango stupito. Da due cose. La prima è che la condizione del cassintegrato per molte persone è oro colato. E questo la dice lunga, lunghissima. La seconda è che è più facile in Italia, oggi, trovare otto banconote da cinquecento euro per terra che un po' di solidarietà. Però forse alcuni di loro hanno ragione. Potremmo provare ad andare tutti in Sicilia. Si dice che là assumano un sacco di persone.
Continua a leggere